Vai ai contenuti

Menu principale:

Cavi T4 - 150°C

Polypedia > Applicazioni

CAVI SEGMENTO T4 - 150 °C


Copoliestere REFLEX TPEE per cavi   segmento T4  - 150 °C - Halogen free


XPolymers grazie all'esperienza ,maturata dei propri tecnici ,ha le competenze necessarie per aiutare il cliente, nella scelta del polimero più adatto , in funzione delle proprietà e del processo utilizzato .Xpolymers ha sviluppato un copoliestere chiamato REFLEX TPEE , halogen free , per estrusione di cavi nel segmento T4 . Il nostro copoliestere supera ampiamente la normativa , permettendo un estrusione lineare , senza waving , e con una superficie brillante priva di difetti .REFLEX TPEE incontra le richieste del mercato automobilistico , sempre più esigente e delicato nel raggiungimento di elevati standard qualitativi a costi sempre più ottimizzati.Questo sito è stato disegnato per aiutare il cliente nella scelta dei polimeri più adatti alla sua applicazione .Nel caso le informazioni presenti non fossero sufficienti Vi preghiamo di contattarci al seguente indirizzo e-mail : info@xpolymers.it




aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaPreleva  Documentazione

aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

Proprietà

  • REFLEX TPEE può lavorare in continuo a 150°C per oltre 3000 ore (CUT)

  • Eccede il segmento T4.

  • Eccellente adesione sui poliesteri .

  • Buona resistenza chimica

  • Buone proprietà elettriche

  • Eccellenti proprietà meccaniche

  • Esente da alogeni

  • Riciclabile , a differenza dei prodotti crosslinkati

  • Non richiede plastificanti

  • Costi/Performance superiori ai fluoroelastomeri

  • Eccellente resistenza a fatica e all'abrasione

  • Resistente all'idrolisi

  • V0 - V1 - V2HB - Halogen free

  • Bassa tossicità dei fumi

  • Compatibile con collanti  e  fluidi automotive

  • Buona resistenza alle basse temperature



Normative settore Automotive

RFX 580 HFR NAT incontra le richieste specifiche del settore automotive :

Resistenza termica - ISO6722 :

3000 ore a 150°C
240 ore a 175°C
48 ore 185°C
6 ore a 200°C

Infiammabilità - UL94 V2 :

test effettuato secondo UL su barretta
su cavo a 45°C – 0.35 mm2

Resistenza chimica - LV 112 (Classe D / E):

Compatibile con colle e adesivi   automotive

Compatibile con fluidi automotive




Vantaggi

  • Riduzione del peso e degli  spessori

  • Assenza di alogeni  - Halogen Free

  • Assenza di Ftalati  - Phtalate free

  • Assenza di metalli pesanti - Heavy metal free

  • In accordo con normativa RoSH - Compliant RoHS

  • Incremento dlle temperature di lavoro

  • Costi inferiori rispetto a fluoro polimeri

  • Elevato ritorno elastico ad alte pressioni e temperature

Caratteristica/Polimero

RFX

X-PE

FLUORELAST

Costo effettivo

+

+

-

Resistenza all'abrasione

++

+

-

Proprietà meccaniche

+

-

+

Processabilità

++

+

+

Progettazione

++

+

-

Impiego

Cavi per impianti elettrici, componenti, cablaggi e sistemi degli autoveicoli ad elevata resistenza al taglio ed abrasione, temperatura di esercizio continuativa da -40°C a +150°C, bassa impedenza di trasferimento.




Robotica

Grazie al copoliestere RFX i cavi per robotica ,offrono una maggiore resistenza alle flessioni continuative ,e ripetute.RFX soddisfai requisiti chiave dei produttori di attrezzature robotiche e di altre automazioni mobili.Grazie alla combinazione della sua granderesistenza meccanica con la resistenza dielettrica, è possibile utilizzare RFX con spessori più sottili, rispetto ai materiali alternativi,Nei cavi multiconduttori, un isolamento più sottile significa una riduzione sostanziale del diametro del cavo, che si traduce in unaflessibilità ,una  maggiore durata e un raggio di curvatura migliore.I cavi più sottili consentono anche curvature più strette raggiungendo al contempo l'obiettivo di resistenza alle flessioni continuative.Anche se materiali quali il PVC o le resine poliolefinicheoffrono un isolamento adeguato a spessori  sottili, la loro resistenza meccanica non è paragonabile a quella delcopoliestere.Ulteriori vantaggi offerti da RFX consistono nella sua resa produttiva e stabilità di processo e costanza di spessori.

Torna ai contenuti | Torna al menu