g.casella@xpolymers.it
Vai ai contenuti

Carragenina

Biopolimeri A-Z > ➢ Polisaccaridi
Carragenina

Le carragenine sono una serie di esteri poli (galattoside) mono solfato. Le varietà sono disegnate sul davanti con lettere greche, ad esempio ic-carrageenan. Questi polisaccaridi contengono come struttura di base due unità ripetitive di galattosio, una solfatata e l'altra non solfatata. Le unità sono collegate alternando i legami eterei 1-3 e ß 1-4. In un processo tipico per produrre carragenina pura, l'alga grezza viene prima lavata con acqua fredda per rimuovere la sabbia e altre particelle che possono essere presenti dopo la raccolta delle alghe. La carragenina normalmente non si gonfia durante il lavaggio a freddo, principalmente perché la carragenina nelle alghe è associata ai componenti strutturali delle alghe, solitamente la cellulosa. A seconda della specie di alghe, dopo il lavaggio a freddo viene tipicamente eseguita una procedura di estrazione ad acqua calda in cui la carragenina estratta viene trattata con una base acquosa ad alta temperatura. Generalmente, la base utilizzata è un idrossido di metallo alcalino o alcalino terroso, ad esempio NaOH, Ca(OH)2 o KOH. Stabilire una temperatura elevata in un mezzo alcalino provoca la formazione di legami 3,6-anidri nelle unità di galattosio della carragenina. L'estratto caldo viene quindi filtrato per rimuovere materiale insolubile, come cellulosa, emicellulosa e altre particelle, e viene aggiunto acido. Il filtrato può quindi essere concentrato a circa il 4% di carragenina per un'ulteriore lavorazione. Le fasi procedurali facoltative dopo l'estrazione possono includere la centrifugazione e lo sbiancamento. La carragenina pura si ottiene tipicamente per precipitazione dell'estratto dalla soluzione acquosa con KCl o un alcol come l'isopropanolo. D'altra parte, sono stati descritti metodi di preparazione migliorati che utilizzano il trattamento dello sforzo di taglio. Le carragenine sono usate come addensanti negli alimenti, ad es. Ad esempio gelato o latte condensato. Un'altra applicazione alimentare è come chiarificante per eliminare le proteine ​​che causano torbidità. Altri usi sono nelle schiume antincendio come addensanti per rendere la schiuma appiccicosa e generalmente come addensanti nelle applicazioni cosmetiche. Le carragenine sono solubili in acqua calda. Il sale di sodio si forma solubile in acqua fredda. In acqua fredda, solo la carragenina è solubile.
g.casella@xpolymers.it     +39.331.6701887



Torna ai contenuti