g.casella@xpolymers.it
Vai ai contenuti

Butirrato di acetato di cellulosa

Biopolimeri A-Z > ➢ Polisaccaridi
Butirrato di acetato di cellulosa (CAB)

Il butirrato di acetato di cellulosa è un materiale termoplastico con molti usi comuni nelle finiture automobilistiche su manici di utensili, penne, vesciche e altro. Essendo un termoplastico, questa sostanza può essere fusa e rimodellata in nuovi modi senza alterare la sua struttura molecolare. Può essere segato, forato. È un materiale plastico relativamente duro che può essere prodotto in forma trasparente o in un'ampia varietà di tinte e colori trasparenti o opachi. Altri nomi comuni per l'acetato butirrato di cellulosa sono CAB o semplicemente butirrato. È una plastica vulnerabile ai danni di chetoni o alcoli grazie alla sua superficie, di natura flessibile, che gli consente di allungarsi fino al 60% della sua lunghezza originale prima di rompersi. I polimeri CAB tendono ad essere più costosi del loro precursore chimico acetato di cellulosa, poiché sono necessari passaggi aggiuntivi per produrlo. Tuttavia, tutto l'acetato butirrato di cellulosa è derivato dall'acetato di cellulosa, che è ampiamente utilizzato come base per pellicole fotografiche, un componente di colle e altro ancora.

Caratteristiche del CAB - Acetato Butirrato di Cellulosa

  • Stabilità ai raggi UV comprovata ed elevata resistenza agli urti.
  • Caratteristiche Eccellente modellatura, con tempi di ciclo più rapidi
  • Forte resistenza chimica e resistenza agli agenti atmosferici a lungo termine
  • colorabilità illimitata
  • Praticamente non vuoi asciugare prima di formare
  • Può essere efficacemente stampato o serigrafato

Resistenza chimica

Sebbene gli alcali, i chetoni negli svernicianti e gli alcoli possano abbattere la struttura chimica dell'acetato butirrato di cellulosa, è altrimenti resistente ai comuni prodotti chimici domestici. Le proprietà versatili e inerti del composto lo rendono utile anche per la produzione di molti tipi di giocattoli e articoli sportivi. È anche molto popolare perché ha sostituito i comuni composti di nitrato di cellulosa, che erano noti per essere altamente infiammabili e si scompongono più del CAB nel tempo. Una delle caratteristiche uniche dell'acetato butirrato di cellulosa è la sua resistenza ai raggi ultravioletti, che gli conferisce applicazioni che richiedono un'elevata brillantezza superficiale, come nella produzione di vernici per superfici esterne, per lenti e per varie forme di film plastici. Poiché è formato dalla reazione di esteri di cellulosa con acido acetico e acido butirrico, fornisce anche un basso assorbimento di umidità e un livello molto elevato di resistenza agli urti.

Preparazione

Derivato dall'esterificazione della cellulosa, prodotto naturale del legno e del cotone, che contiene nella sua molecola numerosi gruppi ossidrilici (-OH), sostituiti da altri due prodotti naturali:

- acetato (o acetile, di acido acetico) (13%) CH3COOH
- butirrato (o butirrile) di acido butirrico CH3CH2CH2COOH derivato da gas naturale (37%)

il suo aumento è proporzionale all'aumento della flessibilità del polimero. Alcuni gruppi -OH che rimangono nella molecola consentono al materiale di avere una buona bagnabilità superficiale e un contenuto di acqua del 2-3%.

Applicazioni

Gli esteri organici come l'acetato di cellulosa sono considerati importanti nell'industria a causa della loro ampia applicazione per la produzione di varie fibre e materie plastiche. Sono comunemente preparati in quantità multi-tonnellate e sono stati prodotti dal 1865. I composti hanno trovato la loro prima applicazione diffusa durante la prima guerra mondiale, quando i rivestimenti in nitrato di cellulosa altamente infiammabile su ali e cellule del velivolo iniziarono a essere sostituiti dagli aerei.
g.casella@xpolymers.it     +39.331.6701887



Torna ai contenuti